Speciale Festival di Venezia 76 – “La Vérité” di Hirokazu Kore-eda

Il nuovo film del regista asiatico in apertura della 76esima Mostra del Cinema di Venezia.

Apertura del 76esimo Festival del Cinema di Venezia, l’attracco europeo della scorsa Palma d’Oro cannense si forgia sulle mitologie attoriali del vecchio continente, a partire dalla protagonista Catherine Deneuve, sino a Juliette Binoche, che di Deneuve è la figlia.
Riflettendo sulla natura delle icone europee, mimetizzandosi con la maniera del nostro cinema, Kore-eda sembra rinunciare alla sua tipica calligrafia pur di contestualizzare, in una riflessione più ampia circa la condizione dei miti attoriali oggi, la cifra principale della sua opera: il discorso familiare, i fantasmi del passato, le nevralgie di un presente piegato ai vezzi di una sceneggiatura e indissolubilmente legato alla performance, tra somiglianze, rimandi e sotterfugi che lasciano alla banalità l’intero del discorso, senza che in alcun modo l’autore emerga, valorizzi i suoi elementi o riesca a dare importanza ad un prodotto che, in ogni caso, arriva in ritardo ed è posticcio già in itinere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *